Font e proporzioni

Notizie

Scritto da :

Pubblicato su :

Tags :

arimas group,arimaslab,Designer,Font,Font e proporzioni,Graphic design
Font e proporzioni

Ci sono svariati motivi che dimostrano che “stretchare” i font è decisamente una pessima idea. Questo articolo spiega quali sono le regole per la progettazione dei font e delle loro proporzioni.
Il primo motivo fondamentale è sicuramente la leggibilità. Per farci riconoscere e interpretare in modo corretto le lettere i font vengono progettati con tutta una serie di accorgimenti e correzioni ottiche. I font ben progettati, infatti, presentano tutta una serie di accorgimenti per far sì che il nostro cervello riconosca con una certa facilità le varie lettere.

Cosa succede quando un font viene deformato

Quando un carattere viene deformato, ad esempio stirandolo in verticale, si va ad alterare il rapporto di proporzioni tra le aste verticali e quelle orizzontali. E dal momento il rapporto che era stato pensato per venire incontro alle nostre modalità di visione e per rendere leggibili i caratteri, si ottiene un risultato che è allo stesso tempo poco bello e difficile da leggere.

Prima di continuare è necessaria una precisazione. Questo discorso vale per tutti quei font progettati con lo scopo di rendere semplice e piacevole la lettura. Esistono però anche font il cui obiettivo è rompere le regole, stupire, attirare l’attenzione, anche a scapito della leggibilità, e fanno ovviamente eccezione rispetto a quanto detto.

Lo scopo di ogni designer

L’obiettivo dei designer ovviamente è creare qualcosa di unico e innovativo. Il suo lavoro è proprio quello di comunicare un concetto o un messaggio nel modo più efficace e allo stesso tempo più piacevole dal punto di vista estetico.
Questo è proprio il criterio con cui la maggior parte dei font, o almeno quelli di qualità, è stata progettata. Per questo ogni tipo di deformazione risulta sbagliata dal punto di vista del graphic design. L’unica eccezione si può fare quando la deformazione riguarda non una parola intera, ma magari una lettera che viene stravolta proprio per richiamare, ad esempio, la somiglianza con un’altra forma riconoscibile.

Come evitare di deformare i font

  1. Cambia font: per fortuna i font sono davvero tantissimi. Se ci si rende conto che il carattere scelto non ha le proporzioni desiderate, il nostro consiglio è semplicemente cambiarlo. Ci sono moltissimi font che si assomigliano ma sono diversi, appunto, per le proporzioni. Alcuni sono più stretti e alti, altri più bassi e larghi.
  2. Scegli font con tanti pesi: esistono famiglie di font che sono già state progettate per avere tante variabili. Questo permette di trovare più facilmente quella adatta a ciò che hai in mente e che allo stesso tempo mantiene delle proporzioni progettate con cura.

Con questo articolo abbiamo dimostrato come sia fondamentale avere una buona conoscenza delle regole della tipografia e del graphic design per sapersi orientare nelle funzioni dei principali software. Per questa ragione consigliamo sempre di affidarsi ad esperti per la creazione dei contenuti per la propria attività, se sei interessato al graphic design segui il nostro blog e non perderti gli ultimi aggiornamenti sui nostri canali social!